E’ stato pubblicato un bel articolo sulla rivista quadrimestrale di Confindustria “Industria e Sviluppo” riguardante Razional Informatica e il gruppo ARS Network.

“L’informatica, si sa, è un mondo in continua evoluzione ed ha acquisito un ruolo sempre più centrale in quasi ogni ambito della vita moderna. Attività, aziende, negozi: nessuno può fare a meno di essere ben equipaggiato e all’avanguardia con infrastrutture di rete, software gestionali, banche dati e tutta una serie di strumenti e infrastrutture utili a svolgere quotidianamente tipologie di lavoro sempre più diverse. IES ha incontrato una vera eccellenza del settore informatico, Ars Network Group, una rete di tre aziende toscane riunite in un’unica sede che è capace di fornire servizi e un’ampia gamma di soluzioni alle aziende che richiedono supporto informatico. Abbiamo parlato perciò con Alessandro Pelagotti, Amministratore di Razional Informatica, una delle imprese che, insieme ad Altaquota e a Nautilo, compone Ars Network Group: «Il vantaggio di avere tre strutture è che ci possiamo prendere cura di ogni singolo dettaglio riguardante le esigenze dei nostri oltre cinquecento clienti. Siamo sempre stati attenti ai cambiamenti e, conoscendo il mercato delle PMI da diversi aspetti (Gestionale, Infrastruttura, Sicurezza), siamo in grado di agire con maggior efficacia e proporre soluzioni adatte per tutti. Il nucleo storico di Ars Network risale agli anni Settanta, perciò le nostre aziende hanno letteralmente maneggiato la storia di questo settore, emergendo come dei veri e propri pionieri dell’informatica»

Sig. Pelagotti, ci spieghi la struttura e i servizi di Ars Network… «Il nostro gruppo aziendale è composto dalle tre società Altaquota, Nautilo e Razional Informatica, tutte certificate ISO 9001/2015, ognuna delle quali ha un campo d’azione ben defi nito che si integra perfettamente con quello dell’altra. La nostra holding, al momento, impiega in totale 32 persone ed è stata fondata nel 2001. Entrando nel dettaglio, Altaquota, in primis è partner ufficiale Zucchetti e si occupa di software gestionali, sviluppo applicativi verticali oltre a prestare un’assistenza capillare con personale specializzato. Inoltre è un Centro Competenza Zucchetti per soluzioni ERP. Nautilo, invece, è una società di soluzioni e-business ad alto profilo, specializzata nell’erogazione di servizi per il web, l’e-commerce e l’integrazione di sistemi. Fin dal 1997, si occupa di web-Application gestionali e verticalizzate sulle esigenze del cliente dallo sviluppo di intranet per istituti di credito ad applicazioni per la gestione di apparati bancari di cassa e sistemi di sicurezza. Infine, c’è Razional Informatica, attiva fin dal 1975 si occupa soprattutto di consulenza, progettazione, fornitura e realizzazione di infrastrutture IT e di rete, tutto chiavi in mano. Lo staff certificato MS, Cisco ed Eccp (sicurezza informatica) presta la relativa assistenza in ogni ambito: cablaggio, wifi , hardware, software e problematiche applicative. Inoltre viene offerta consulenza su GDPR, privacy e procedure di formazione per le aziende».

Ci racconti di Razional ITSec, la vostra nuova unità operativa… «Si tratta di una nuova unità nata nel 2018 e focalizzata sulla sicurezza informatica. Questo è un tema in forte crescita e riguarda ogni azienda, a prescindere dalla dimensione, che voglia tutelare le proprie informazioni sensibili e non. Il nostro personale, certificato Eccp – Ethical Hacker, individua i punti critici del sistema per poi progettare e sviluppare le adeguate correzioni. Tali interventi, spesso, riguardano proprio la formazione dei dipendenti delle aziende in modo da fornire loro gli strumenti adatti per svolgere un lavoro in sicurezza. I servizi di Razional ITSec includono vari aspetti: Incident Response, cioè l’analisi e i report su incidenti legati alla sicurezza informatica in azienda che può essere utile in sede legale. Purtroppo, questo servizio è molto richiesto perché c’è la tendenza a intervenire quando il guaio è già successo mentre, invece, queste situazioni sarebbero da prevenire; il Risk Assessment, legato alla fase di consulenza, è l’analisi costante del rischio per capire se ci sono delle falle da correggere; il Penetration Test, cioè la valutazione della sicurezza tramite la simulazione di un attacco di un utente malintenzionato, evidenziando le debolezze e vulnerabilità che potrebbero permettere un accesso non autorizzato; controllo e monitoraggio della rete aziendale tramite soluzioni SIEM (Security Information and Event Management), dove si prevengono e si raccolgono tracce di eventuali attacchi. Infine, vengono forniti tutti gli strumenti per la protezione dell’infrastruttura, come i firewall e tutti i relativi tools specializzati».”

 

IES / Dicembre 2019-Marzo 2020

https://www.iesindustriaesviluppo.com/