Campagne spam hanno colpito gli utenti dei servizi Microsoft 365.

Annunciato sul blog di Microsoft, il 16 Luglio, la Digital Crimes Unit (DCU) di Microsoft ha ottenuto l’ordine del tribunale per rimuovere 17 domini responsabili di attacchi phishing utilizzati da organizzazioni criminali.

Questo caso è iniziato con un singolo reclamo di un cliente riguardante BEC. La nostra indagine ha rivelato che questo gruppo criminale aveva creato 17 domini omoglifici dannosi aggiuntivi registrati presso terze parti. Gli obiettivi sono principalmente le piccole imprese che operano in Nord America in diversi settori. Sulla base delle tecniche impiegate, i criminali sembrano essere motivati ​​finanziariamente e riteniamo che facciano parte di una vasta rete che sembra avere sede nell’Africa occidentale.

La tecnica dei siti omoglifici, vuol dire utilizzare domini simili a quelli attendibili, con piccole differenze nelle lettere che ne compongono indirizzo email, ad esempio cambiare la lettera O con il numero 0.
L’obiettivo era ottenere accesso alle credenziali degli account BEC, per ingannare i dipendenti dei clienti e i loro collegamenti esterni come fornitori, agenti, a fine di illuderli a pagamenti finanziari fraudolenti.

Con l’occasione vi ricordiamo che la sicurezza postale è per Microsoft un elemento cruciale. Il nostro consiglio è quello di fare attenzione quando si legge una email e non cliccare su link insoliti o file non richiesti. In questi casi la formazione del personale ricopre un ruolo importante, oltre una prevenzione per ridurre l’esposizione del la rete ai rischi di attacchi informatici.

Microsoft365 attaccato da email fraudolenti

Microsoft Windows 11 avrà Teams integrato in maniera nativa

Windows 11 è ormai in dirittura di arrivo e una delle novità più importanti riguarda le applicazioni di messaggistica: Skype verrà rimosso da Windows in favore di un‘integrazione nativa di Microsoft Teams.

Teams si è ormai affermato come servizio stabile e sicuro su cui basare le proprie videochiamate e messaggi, sia per le aziende, sia per gli utenti comuni. Attualmente la piattaforma può effettuare chiamate verso tutti gli utenti Skype per mantenere continuità nei confronti degli utenti.

L’applicazione preinstallata di Skype viene rimosso dal sistema operativo Microsoft, e viene sostituita da una chat integrata nel SO e basata su Teams. L’operazione si svolge tramite un’icona sulla barra delle applicazioni che permette di avviare rapidamente meeting o chat.

Per maggiori informazioni, non esitate a contattarci.